5 Percorsi a Piedi in Città

barcellona_opt

Barcellona rapprensenta una parte della Spagna cosmopolita e culturale: il genio di Gaudì, la Sagrada Familia e la movida delle Ramblas e del Barrio Gotico. La capitale catalana si trova su due livelli: la parte bassa, vicina al mare e alle ottime spiagge, e la parte alta piena di spettacolari parchi come il Parc Güell.

Ecco 5 percorsi a piedi da non mancare a Barcellona.

Barrio Gotico

Partendo dal Barrio Gòtico, si può visitare Plaça de la Seu, sostando a mangiare sotto la bella cattedrale della città catalana. Sul lato ovest, si apre una strada per raggiungere la Plaça Sant Jaume e vedere l’Ajutament e il Palau de la Generalitat de Ctalunya (Palazzo della Generalità di Catalogna). Da via Laietana si raggiunge invece a piedi la Plaça del Rei, su cui si trova il Museu d’Historia de la Ciutat. Andando invece in direzione delle Ramblas, ci si trova subito nella folla che assiepa il famoso Carrer de Ferran. Scendendo a sud, una sosta per riposarsi è d’obbligo sotto le palme di Plaça Reial vicina alla Rambla dels Caputxins.

Tempo di percorrenza: ca. 2-3 ore

La Rambla e il percorso della Barcellona modernista

La Rambla costituisce un’altro percorso simbolo di Barcellona: a metà sul lato ovest, si avvista la facciata laterale del Gran Teatre del Liceu. Val la pena di entrare e mangiare nel mercato coperto La Boqueria. Salendo in direzione nord, arriverete alla famosa Plaça de Catalunya da dove proseguire per il Passeig de Gràcia per vedere il meglio dell’architettura modernista barcellonese: Casa Lleo Morera al numero 35, Casa Amatller al numero 41 e infine Casa Battlò di Gaudì al numero 43. Sempre dal genio dell’architetto catalano scaturisce Casa Milà, comunemente indicatata come la Pedrera, la quale si posiziona dall’altro lato del Passeig de Gràcia. Il tetto è provvisto di camini che somigliano a teste con elmi medievali e la immaginifica facciata mostra piani orizzontali ondulati. Proseguendo a nord della Pedrera, lungo la Avinguda Diagonal si va ad est per circa 1 chilometro e si raggiunge grazie ad una strada laterale la Sagrada Familia, altra icona della città frutto degli ultimi anni di vita di Gaudì.

Tempo di percorrenza: ca. 3 ore

Il quartiere Raval e il castello di Montjuïc

Nel quartiere Raval si va per visitare l’Hospital de la Santa Creu i Sant Pau. Progettato da Domenech i Montaner e figlio, l’Hospital è un altro esempio fantastico di Modernismo catalano. Da qui, si può proseguire per salire sulla collina di Montjuïc con la funicolare o con gli autobus. Molto ardua a piedi la salita ma comunque possibile. Meravigliosi il castello di Montjuïc, la Fundaciò Joan Mirò, il Pavellò Mies van der Rohe che vi aspettano in cima. Da visitare qui anche il Palau Nacional che ospita le collezioni medievali del Museu Nacional d’Art de Catalunya.

Tempo di percorrenza: ca. 3-4 ore

Parc Güell

Il Parc Güell tutto da visitare a piedi: qui comignoli a forma di fungo, piastrelle trencadis, arcate gotiche giocano con la fantasia del visitatore. Qui si trova anche la Casa-Museu Gaudì, dove l’architetto visse per 20 anni. Un’atmosfera surreale domina e seduce in Parc Güell: assolutamente da vedere la doppia scalinata che conduce alla Sala Hipòstila, il Banc de Trenadis e la famosa fontana della salamandra.
Fantastica la Sala de las Columnas con enormi colonne doriche separate le une dalle altre da spazi misteriosi e sovrastati da un tetto ondulato. Nel giardino Gaudì da percorrere sono le gallerie preistoriche in pietra e terra.

Tempo di percorrenza: ca. 2 ore

Dopo ognuna di queste passeggiate non vedrete l’ora di tornare al vostro alloggio in centro a Barcellona per rilassarvi e ricaricare le pile.

Grazie a Cebete per l’immagine da Flickr.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *