10 Cose da Fare a Dublino con meno di 10 Euro

Dublino

La vivace capitale irlandese è piena di ristoranti di lusso con anni e anni di storia e di leggendaria vita notturna come il Temple Bar, ma molti viaggiatori possono rimanere spaventati dai prezzi.

Per fortuna ci sono ancora molte cose economiche da fare in questa città, e con gli hotel economici a Dublino di HostelBookers potrete risparmiare qualcosa anche per quanto riguarda il soggiorno.

1. Un classico Irlandese a buon mercato

Boxty House

Alcuni dicono che non esiste una cucina irlandese, ma ci sono alcuni piatti tradizionali che proprio non potete non assaggiare. Forse non potrete permettervi una cena al Chapter One, ma è facile trovare versioni moderne e buone di grandi classici come lo Stufato Irlandese.

Il Brick Alley Cafe (25 East Essex Street, Temple Bar) ha schiere di devoti appassionati, che ogni giorno affollano questo bel caffé dai piccoli tavoli di legno. I piatti principali, rigorosamente fatti in casa vanno dai 5.95€ agli 8€. Appena più lussuoso è Gallagher’s Boxty House, che serve il “Boxty” – una sorta di pancake irlandese fatto con patate accompagnato da ogni sorta di condimento, come salmone e salsa con pomodoro o formaggio irlandese. Gli antipasti alla Boxty House sono più che sufficienti per un pranzo e hanno un costro che varia a seconda del piatto, a partire da 5.50€.

2. The Jeanie Johnston Famine Ship

Jeanie Johnston

Dopo esservi abbuffati da Boxty, un giro alla Jeanie Johnston (ancorata al Custom House Quay) vi potrebbe far sentire un po’ in colpa. Questa replica funzionante della più famosa “nave della fame” di Dublino (le navi che durante l’epoca della carestia trasportavano gli emigranti in America) è stata accuratamente restaurata e ospita un interessante museo all’interno, il cui biglietto d’ingresso è di soli 9€ per gli adulti e 5€ per bambini e studenti.

3. Kilmainham Gaol

Questa famosa prigione su Inchicore Road è stata smantellata nel 1924, ed oggi è un inquietante quanto interessante museo, che mostra le terribili condizioni dei carcerati e gira attorno agli spettrali corridoi scuri e alle squallide celle. Questo è il posto in cui vennero giustiziati i capi della Rivolta di Pasqua del 1916, e scene del film The Italian Job furono girate nella sala principale. L’ingresso costa 6€.

4. La Cattedrale di San Patrizio

Dopo aver esplorato le più oscure profondità del mondo criminale della città, spargete un po’ di sacra luce sul passato di Dublino nei sereni dintorni della Cattedrale di San Patrizio. Risalente al XIII secolo, è la più grande chiesa d’Irlanda, e le sue targhe, i suoi monumenti e le sue bandiere raccontano la storia anglo-irlandese nel Paese. Il famoso scrittore Jonathan Swift scrisse molte delle sue opere migliori mentre era diacono qui, nel XVII secolo, ed è qui sepolto con la sua compagna all’interno della chiesa.

5. Il Museo degli Scrittori

Museo degli Scrittori

L’impressionante patrimonio letterario di Dublino è in mostra in questo piccolo ma affascinante museo (18-19 Parnell Square), una bella townhouse con una buona collezione di manoscritti di famosi scrittori irlandesi come Swift, Wilde, Beckett, Joyce e Yeats, oltre a esposizioni temporanee e performance live. L’ingresso è di 7.50€ per adulti, 4.70€ per bambini.

6. Cercate qualche libreria nascosta

Non proprio a sorpresa, per una città famosa per i suoi scrittori, Dublino è sede di molte eccellenti librerie. Chapters (108/109 Mid. Abbey Street) ha il meglio dei libri di seconda mano, e i suoi scaffali scricchiolanti e pieni di libri sono davvero una gioia. Gli studenti del Trinity College amano invece l’eclettica selezione di Books Upstairs (36 College Green). Insomma, concedetevi un po’ di tempo per curiosare tra i libri!

Da vedere è The Winding Stair (By the Ha’Penny Bridge), un famoso ritrovo letterario, dagli anni ’70, e un gran posto per trovare titoli inusuali e di seconda mano. Oggi il negozio è stato ravvivato da un ristorante alla moda, al piano di sopra, ma riesce a mantenere un po’ del suo fascino originale. Dieci euro dovrebbero bastarvi per un libro (o anche tre).

7. Un castello e una country house

Sebbene è un po’ lontano dal centro, il Castello di Ardgillen (Ardgillen Castle), a Balbriggan, vale una visita in bus o in treno. Si tratta di circa 194 acri di campagna a pochi passi dalla spiaggia. Questa casa di campagna è una vera boccata d’aria in un pomeriggio di sole. Robert Taylor, decano di Clonfert, costruì Ardgillen nel 1738, insieme alla biblioteca dotata di passaggio segreto! La visita al castello costa 6.50€ (costo per adulti).

8. Delizie a poco prezzo

Queen of Tarts

Dublino ha costruito la sua reputazione sul cibo, ma i migliori ristoranti sono cari. Perciò vi conviene concedervi solo qualche sfizio: una fetta di formaggio locale da Sheridan’s Cheesemongers (11 Anne Street South), le ciambelle calde alla cannella di Simon’s Place (George’s Street Arcade, South Great George’s Street), il caffé freddo di The Bald Barista (68 Aungier Street) e tutto, dai dessert al paradiso delle brioche, da The Queen of Tarts (4 Cork Hill, Dame Street). Prezzi inferiori ai 7€, a meno che non vi facciate prendere la mano ovviamente!

9. Musica tradizionale in un vero pub irlandese

Dai trovatori viandanti ai violinisti, molte persone arrivano a Dublino e si aspettano almeno una serata di musiche tradizionali irlandesi. Il miglior posto per danzare è il pub, dove quasi tutte le sere troverete almeno una band che suona. Tutto quello che dovete fare è chiedere una pinta. O’Donoghue’s (Merrion Row) è una scelta sicura – una pinta di Guinness costa 4.50€.

10. Una bella serata fuori

Se preferite passare la sera a danzare su note più alla moda, andate al Solas (Wexford Street), uno dei migliori dj bar della città. Questo bel locale nel quartiere trendy di Camden ha un bar sul tetto, ottimi resident dj e una vivace clientela nei weekend. Scordate i prezzi alti dei club, con 7€ qui potete bere.

E… non dimenticate di prenotare un ostello a Dublino per dormire!

Grazie a Roberto Taddeo, William Murphy , Andrea Vail, landhereTim Sackton per le immagini da Flickr (Creative Commons license).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *