Intervista a Sara Boccolini: la penna del blog 'Viaggio AnimaMente'

Sara Boccolini Collage

Viaggio AnimaMente è un blog interessante, fresco e ricco di racconti di viaggio, di esperienze personali ma anche di tanti consigli e informazioni che ogni viaggiatore amerebbe leggere prima di prepare le valigie e partire. HostelBookers ha intervistato Sara Boccolini, la fondatrice del blog. Una viaggiatrice appassionata di turismo responsabile e specializzata in Social Media Marketing Turistico, dalle cui parole emergono subito il suo entusiasmo e dedizione per il viaggio…

Quale viaggio ti ha cambiato la vita?

Sara Boccolini: Il viaggio che mi ha cambiato la vita è stato quello fatto nel gennaio 2008 in Guatemala, un mix tra campo di lavoro per la raccolta del caffè e viaggio responsabile alla scoperta della cultura guatemalteca. Un viaggio di questo tipo ti fa capire quali sono le cose importanti della vita, ti fa toccare con mano come abitano le popolazioni povere e mostra che in fondo la bellezza non sta nelle cose materiali.

Cosa ti ha portato ad iniziare il tuo blog e cosa speri di raggiungere con questo?

S: Ho aperto il blog dopo quasi due anni che ci pensavo. Avevo paura di non trovare il tempo per mandarlo avanti e questo mi ha frenato nell’iniziarlo subito. Volevo condividere con la rete le mie esperienze, dare suggerimenti e far capire al mondo quanto sia bello viaggiare e scoprire, per questo motivo ho iniziato il blog. Sarebbe una cosa bellissima se questo potesse essere un lavoro, in quanto vorrebbe dire lavorare con passione, una passione che parte dall’Anima ed arriva fino alla Mente.

Quando è iniziata la tua passione per il viaggio e per il mondo del web?

Sara Boccolini a Londra

S: I viaggi sono da sempre stati una passione anche grazie ai miei genitori che, sin da piccola, mi hanno fatto scoprire diversi posti come la Svizzera, la Francia e soprattutto l’ Italia.
La passione per il web è invece aumentata dopo la laurea, quando 3 anni fa ho iniziato a lavorare nel settore. Prima amavo il web ma lo usavo principalmente per studiare o chattare con gli amici, mentre ora lo vivo e lo condivido.

Sei specializzata in Social Media Marketing Turistico, quanta importanza pensi che i Social Media abbiano nell’industria di viaggio e come pensi stiano cambiando l’approccio al viaggio?

S: I Social Media hanno un’importanza notevole nel mondo dei viaggi. Ora si viaggia e si può condividere l’esperienza in contemporanea, mentre chi è a casa e ti segue può vivere il viaggio con te attraverso le tue foto e i tuoi post. Grazie ai Social Media, il viaggio non è più di una singola persona ma è della rete, che può prendere in qualsiasi momento spunto per ripetere l’esperienza o innamorarsi di destinazioni che prima erano sconosciute se non ai più esperti viaggiatori.

Quale definiresti come l’esperienza migliore legata ad uno dei tuoi viaggi? E la peggiore?

S: Fortunatamente ho avuto tante esperienze positive, una di queste è stata indubbiamente quella della salvaguardia delle tartarughe che mi ha portata fino in Messico. Peggiore? Sicuramente i viaggi fatti in villaggio! Per fortuna non ne ho fatti tanti ma sentirmi servita a tutte le ore del giorno da gente che guadagna davvero poco mi fa stare male. Fare una vacanza in villaggio in Sardegna può essere la stessa cosa…se non esci dal villaggio quel luogo potrebbe essere ovunque, potrebbero essercene altri 10 uguali in tutto il mondo.

Sara Boccolini

C’è un articolo che hai scritto al quale sei particolarmente legata e perché?

S: Ce ne sono diversi, uno di questi è quello che ho scritto sulla mia esperienza di vacanze studio all’estero. Un post che contiene tanti bei ricordi che nessuno mai potrà portarmi via. La persona che sono ora è il risultato dei primi viaggi da sola, le prime esperienze all’estero e le tante persone incontrate lungo il cammino…

Quali criteri usi per scegliere l’argomento o la destinazione su cui scrivere?

S: Molto semplice: l’ispirazione mi viene spontanea. Racconto di viaggi fatti realmente e di ricordi vivi in me…

Quale consiglio fondamentale daresti a chi volesse intraprendere il tuo stesso tipo di percorso?

S: Per intraprendere un percorso di questo tipo devi avere tanta passione per i viaggi, per lo scrivere e per il condividere le tue esperienze. Se ci metti davvero tutta te stessa, prima o poi inizieranno ad arrivare anche tante soddisfazioni.

Hai esperienze lavorative in turismo responsabile ed ambiente, come pensi si potrebbe sensibilizzare un maggior numero di persone su tali argomenti?

S: Sì, ho lavorato nel Turismo Responsabile e Ambiente, sono settori questi che dovrebbero avere più fondi per essere fruibili da un maggior numero di persone. Spesso i viaggi di turismo responsabile costano tanto, molto più di quelli del turismo di massa, per questo non vengono scelti. Andrebbero anche organizzati più corsi all’ Università e queste materie dovrebbero essere inserite nei programmi di studio delle scuole…

Quale tra i tuoi articoli ha avuto miglior risposta da parte dei lettori e cosa pensi abbia reso questo articolo così popolare?

S: I post che contengono consigli su dove mangiare nelle città sono quelli che, a mio avviso, vanno per la maggiore. Io stessa, prima di partire per un viaggio, mi informo tramite altri blog su dove potrei mangiare, non mi va di scegliere posti troppo turistici e penso che magari chi è stato in quel luogo prima di me ha scoperto qualcosa di davvero interessante che potrei provare anche io. Cosa vedere te lo dicono anche le guide di viaggio ma dove mangiare è meglio lasciarselo dire da altri e non dai ‘manuali’.

Cosa pensi della scena dei blogger di viaggio italiani?

S: Bella domanda. Penso che siamo tanti e che tra loro ho trovato molti veri amici con cui condividere passioni e viaggi. A volte è bello condividere anche i progetti e l’ organizzazione di eventi. Mi trovo davvero bene con loro!

C’è un blog che ammiri particolarmente?

S: Più che un blog c’è un blogger che ammiro tantissimo. Marco di Non Solo Turisti, da quando l’ho conosciuto siamo diventati grandi amici. Lui è un super blogger ma al tempo stesso una persona semplice, buona e che non se la tira per niente! Viaggia continuamente ed è sempre pronto a partire e ad organizzare, lo ammiro tantissimo.

Sara BoccoliniSei una viaggiatrice italiana, come consideri l’Italia confrontandola con i luoghi del mondo che hai visitato?

S: Posso dire che nell’ultimo anno ho visitato molto più l’Italia che l’estero. L’Italia non ha nulla da invidiare a tante altre destinazioni per quanto riguarda città, paesaggi, musei e (anche) cibo. In Italia mancano però tanti servizi e la puntualità dei mezzi, quando ci sono! A livello di comunicazione, vedo che tanti si stanno dando da fare e lo apprezzo molto. Quando si ama il proprio territorio si può fare molto e ci sono Regioni, e non solo, che si stanno davvero impegnando. Bravi!

Hai qualcosa da aggiungere?

S: Viaggiare ti fa sentire libero. Viaggia ad occhi aperti per scoprire e conoscere a fondo il territorio, i luoghi e le persone che incontrerai nel tuo cammino!

Grazie a Sara Boccolini per le immagini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *