Racconti di Viaggio: vado al massimo….vado in Messico: parte IV

A questo punto, dopo essere partiti delle spiagge di Cancun e Isla Mujeres, aver visitato le bellezze coloniali dello Yucatan ed aver respirato l’atmosfera magica del Chiapas, è arrivato il momento di chiudere il cerchio e tornare a rilassarsi su una bianca spiaggia caraibica.
Purtroppo il tempo è tiranno e le due settimane a disposizione stanno per finire perciò, prima di tornare a casa, nulla di meglio che un po’ di relax sdraiati al sole su una spiaggia dei Caraibi.
Cancún, come detto, è una città super turistica, praticamente una succursale americana traferita in suolo messicano, se desiderate qualcosa di più autentico vi consiglio di andare a Tulum.
Lo spostamento in bus da Palenque a Tulum è il più lungo che vi capiterà in tutta la vostra vacanza in Messico ed ovviamente, inutile dirlo, sfruttate la notte!
Il viaggio notturno sul vostro bus ADO durerà circa 12 ore, anche in questo caso non sarete gli unici ad aver pensato che convenga viaggiare di notte perciò, magari il giorno prima di partire da Palenque, fate un giro al terminal del bus e comperate il vostro biglietto in anticipo.
Arrivati a Tulum dopo una notte di viaggio rilassatevi 10 minuti ai tavolini di un bar gustandovi un caffè od una spremuta d’arancia fresca.
Una regola d’oro per i vostri ultimi giorni di viaggio in Messico è di rilassarvi e non pensare troppo al risparmio anche perché, una volta a casa, tutto vi costerà 4 volte tanto.
Detto questo a Tulum potrete scegliere di risparmiare dormendo in città o spendere di più per dormire sulla spiaggia, letteralmente a 30 secondi dallo splendido mar del Caraibi.
Ero stato a Tulum 10 anni fa e le cose sono cambiate un po’, la zona hotelera lungo la costa, per esempio, è stata costruita recentemente.
Qui troverete decine di hotel con splendidi bungalow a pochi metri dalla spiaggia, il tutto molto bello ma anche molto caro.
Vi consiglio di scegliere invece la parte “vecchia” della costa, quella più vicina alle rovine, dove si trovano ancora le prime posade costruite sulla spiaggia di Tulum quelle un po’ meno moderne ma anche un più economiche.
Una di queste posade storiche, dove avevo dormito 12 anni fa, di chiamava Don Armando.
Salendo su un taxi e chiedendo di Don Armando tutti sapranno dove portarvi anche se oggi queste cabañas si chiamano Zazilkin, se non ricordo male, comunque chiedete del buon vecchio Don Armando e non vi sbaglierete.
In bassa stagione il vostro bungalow doppio, il bagno è in comune, vi costerà poco più di 10€ a testa a notte.
La vostra cabañas sarà abbastanza rustica con 2 letti con zanzariera, un comodino e nient’altro, in aggiunta l’energia elettrica è garantita solo dal tramonto (le sei di sera circa) fino a mezzanotte.
Insomma non proprio il massimo del comfort ma la domanda è: servono comfort in paradiso?
La spiaggia di sabbia finissima e bianca, le palme da cocco ed il mare smerando dei caraibi vi faranno veramente credere di essere arrivati in paradiso.
Uno spettacolo che vale una vita intera fidatevi!
La bellezza del mare e della natura è veramente imbarazzante, una cartolina che sembra ritoccata con phoshop.
La mattina, appena svegli, tuffatevi in questo splendido mare ed asciugatevi camminando sulla spiaggia: riuscite ad immaginare un risveglio migliore?
Se desiderate una colazione speciale e deliziosa camminante una decina di minuti sulla spiaggia in direzione opposta alla rovine e sedetevi ai tavolini con vista mare di La Vita è Bella.
Come si capisce dal nome, troverete un pezzo di casa anche sulla spiaggia di Tulum.
Fate un giro alle rovine maya di Tulum che si trovano a poco più di dieci minuti a piedi dalla vostra cabañas.
Onestamente le rovine in sé non sono certo le migliori del Messico ma sono le uniche sul mare.
La vista a strapiombo sul mare cristallino è veramente mozzafiato, una gradinata porta alla spiaggia privata delle rovine, spesso affollata ma vale decisamente la pena farsi un “ciuffo”!
Se vi fermerete a Tulum per qualche giorno fate una gita alle splendide rovine di Coba ed ai cenotes che si trovano ad un paio d’ore di distanza da Tulum.

Quest’escursione da Tulum vi porterà alla scoperta delle selvagge rovine di Coba e dei cenotes,  suggestivi  laghi sotterranei dove è possibile fare il bagno in un acqua cristallina e dalla consistenza unica.
Le rovine di Coba distanziano meno di due ore di bus da Tulum e sono probabilmente uno dei siti archeologici maya  più sottovalutati e meno cosciuti.
Potrete raggiungere Coba con un bus di linea ADO spendendo meno di 10€ andata e ritorno.
Le rovine di Coba sono parecchio estese e completamente immerse nella giungla, la natura selvaggia le rende uniche ed assolutamente affascinanti.
All’ingresso noterete centinaia di biciclette e risciò parcheggiati, noleggiare una bicicletta è sicuramente il modo migliore per esplorare questo sito archeologico.
Montate in sella e fermatevi lungo la strada sterrata ad ammirare i templi maya spesso completamenti mimetizzati quasi inghiottiti dalla giungla, le rovine sono diventate parte della giungla stessa ed è difficile immaginare che esisterebbero senza.
A Coba non ci sono restrizioni perciò potrete salire su tutti i templi e soprattutto sul castillo.
Il castillo di Coba, con i suoi 24 metri, è il più alto di tutto il sud Messico.
Per essere onesti la ripidissima scalinata che porta in cima non è molto invitante, soprattutto durante le calde ore del giorno ma, fidatevi, la vista che godrete una volta in cima è una di quelle cose da “una volta nella vita”.
Dopo aver letteralmente scalato i 120 gradini che portano alla vetta godrete di una vista dall’alto sulla giungla a perdita d’occhio, un vero oceano verde senza fine.
Terminata la visita alle rovine, prendete uno dei taxi che aspettano all’uscita e fatevi portare ai cenotes.
Purtroppo il taxi è l’unico mezzo di trasporto per raggiungere i cenotes perciò la tariffa è fissa e, considerando che si tratta di 15 minuti di corsa, non è esattamente economica.
Il taxista vi chiederà una decina di euro a persona che includono l’entrata al cenote, la corsa in taxi ed un’ora di attesa finché avrete finito di fare il bagno.
Anche in questo caso vi dico che ne vale la pena, fare il bagno in un cenote è un’esperienza unica!
Questi laghi sotterranei rappresentavamo per le civiltà maya il passaggio o meglio il punto di contatto tra il mondo dei vivi e quello dei morti.
Una scalinata ripida e bagnata, fate attenzione a non scivolare, vi porterà nel cuore di questa specie di grotta fino raggiungere l’acqua: l’atmosfera è inverosimile, vi sentirete, e sarete, in un’altra dimensione.
Tornando a Tulum, verso sera, non vi pentirete assolutamente di aver sacrificato una giornata di mare per fare quest’escursione.
Arrivati alle cabañas Zazilkin sarà giusto l’ora di sfruttare la splendida hora feliz al baretto sulla spiaggia.
Solito di sempre, 2 cocktail al prezzo di uno , per capirci un drink al costo, lasciatemi dire immorale, di un euro!
Purtroppo il viaggio sta veramente per finire, ma rimane tempo per concedervi una cena al pueblo e non pensare che il ritorno è vicino.
Dovrei riservare questo consiglio solo agli amici beh, se avete avuto la pazienza di leggere 4 articoli e siete arrivati alla fine dell’ultimo direi che siamo diventatati amici e perciò posso dirvelo: Asadero.
L’Asadero un ristorante molto molto rustico che serve carne eccezionalmente buona a prezzi eccezionali.
Come tutte le gemme, anche Asadero è nascosto e cerca di non farsi trovare.
Non lo troverete su nessuna guida ed non ci entrereste nemmeno passandoci davanti, anch’io ci sono capitato fidandomi di un consiglio.
La cucina è molto semplice: pura carne alle griglia!
Il  ristorante non ha la licenza per gli alcolici perciò fermatevi alla tienda e comperate qualche birra.
Con la pancia piena è forse arrivato il momento di tornare a casa.
L’ultima notte è sempre un po’ triste, la sensazione di libertá del viaggio é distinata a finire e, come spesso capita, anche la spensieratezza di queste settimane dovrá scontrarsi con i ritmi e lo stress della vita di tutti i giorni.
Prima di andare a dormire fate un giro in spiaggia ed perdetevi nel cielo con miliardi di stelle come non avrete mai visto prima!
Questo è il momento perfetto per pensare a tutto ciò che di questo viaggio vi portare dietro e soprattutto iniziare a pensare al prossimo.
Pensate a tutte le esperienze, le sensazioni e le emozioni che vi riporterete a casa ed iniziate a pensare oltre, pensate che arrivati a casa c’è un viaggio da organizzare che vi aspetta!

FINE!

Ps: Scrivere questa serie di articoli mi ha dato veramente una gioia immensa, la stessa gioia che mi da l’idea che questi piccoli consigli possono essere ulitili a chi sta programmando il proprio personale viaggio in Messico.


grazie per le foto a: 1 2 3 4 5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove − cinque =