Bulldog Hostel L'Ostello piú Trendy di Amsterdam

Amsterdam é una cittá meravigliosa.

Qui sul nostro blog abbiamo giá pubblicato un post per consigliare le innumerevoli cose che si possono fare durante un soggiorno ad Amsterdam.

Primavera è sicuramente uno dei periodi migliori per visitare Amsterdam e, se il clima sará clemente, potrete passeggiare lungo gli incantevoli canali e sedervi a bere un caffè o una birra al tavolino di uno dei locali del centro.

A primavera sarete anche inebriati del profumo dei fiori appena sbocciati ed abbagliati dai mille colori della cittá.

Avrete l’opportunitá di visitare alcuni dei prestigiosi musei della cittá primo tra tutti chiaramente il museo di Van Gogh. (scusa preferita usata da migliaia di ragazzi per giustificare ai genitori una visita ad Amsterdam. Chi non l’ha fatto? 🙂

Potrete anche fare un giro in uno dei tanti mercatini della cittá alla ricerca di un bel souvenir da riportare a casa magari, come vi abbiamo giá consigliato, qualche bulbo dei tradizionali tulipani da piantare al vostro ritorno in Italia.

Potrete anche assaggiare i tipici prodotti della tradizione olandese come formaggi o salumi.

Se siete interessati ad una tranquilla vacanza di coppia vi consiglio di dare un’occhiata al blog post “10 cose da fare ad Amsterdam con meno di 10€”.

Questo blog post è dedicato al Bulldog hotel un’istituzione tra gli ostelli Amsterdam, di quel lato della cittá forse un po’ meno culturale ma altrettanto affascinate e sicuramente molto divertente.

Bulldog ed Amsterdam sono due concetti praticamente imprescindibili.

Ok, chi ha giá letto qualche post che ho scritto sa quanto mi sforzi di essere il meno autobiografico possibile e sa anche quanto questi sforzi siano vani.

Il primo ricordo che ho di Bulldog Amsterdam è un ragazzo al liceo che girava per il corridoio della scuola con questa maglietta con un enorme logo del Bulldog coffeshop e hostel di Amsterdam.

Il ragazzo in questione la maglietta non se la toglieva mai quella (spero la facesse ogni tanto lavare dalla mamma e la mettesse ad asciugare di notte sul calorifero), beh, in ogni caso un lavoro di marketing (inconsapevole) quanto mai riuscito.

Da quel momento in poi per me Bulldog piú che una razza di cani è sinonimo di Amsterdam.

Dopo un paio d’anni dall’episodio del ragazzo con la maglietta con qualche amico  sono andato anch’io Amsterdam anche se non abbiamo dormito al Bulldog hostel, se non ricordo male avevamo anche provato a prenotare ma era pieno.

Purtroppo sto parlando di qualche annetto fa anche se a livello tecnologico sembra lontano un secolo.

Non esistevano ancora portali come HostelBookers che consentissero di prenotare un ostello on-line, tutto era ancora fatto per telefono.

Ma non perdiamoci in nostalgie…

Nonostante non dormimmo al Bulldog in ogni caso ci passammo, non davanti, ma un bel po’ di tempo dentro; se non altro per riconoscenza al ragazzo con la maglietta 🙂

Quando si parla di un luogo che è un’istituzione penso si debba partire da un po’ di storia.

Oggi il Bulldog è diventato una specie di industria legata a diverse attivitá: esistono Bulldog hotel, il Bulldog coffee shop ed addirittura un Bulldog rockshop sullo stile del famoso Hardrock cafe.

Il tutto è nato, piú di 30 anni fa, dall’idea e la perseveranza di una sola persona: Henk de Vries.

Il padre di Henk aveva un sex-shop lungo uno dei canali piu belli e famosi di Amsterdam, il figlio, azzeccando il momento storico piú adatto decise di trasformare il negozio del padre da sex-shop in coffeshop.(da apprezzare la coerenza J)

I primi tempi furono duri soprattutto finché la legge olandese non sancí lo stato di tolleranza nei confronti della vendita di cannabis.

La situazione si sistemó per il meglio e da allora la fama del marchio Bulldog ha continuato a crescere in maniera esponenziale.

Il coffeshoop da dove tutto è nato ed il Bulldog hostel sono a poca distanza tra loro e fortunatamente hanno mantenuto la fantastica location originale lungo uno del principali e piú pittoreschi canali della cittá.

Camminando lungo i canali di Amsterdam è praticamente impossibile non passarci davanti ed è altrettanto impossibile non vedere l’enorme muso del Bulldog che ringhia.

Come detto con l’arrivo della primavera Amsterdam è sicuramente una delle cittá europee dove vale la pena trascorrere un week-end o generale qualche giorno di “relax”.

Se non ci fossero abbastanza motivazioni per visitare questa cittá vi ricordiamo la Festa della Regina che di svolgerá il 29 e 30 di Aprile ed é probabilmente la piú importante festivitá olandese.

Sono sicuro non faticherete a trovare uno o piú amici che vogliano venire in gita con voi ad Amsterdam.

Con HostelBookers siete ancora in tempo anche per il Queen’s day last-minute !!

Per evitare brutte sorprese vi consiglio di andare su HostelBookers e prenotare il vostro letto per il Bulldog hostel…poi non venite qui (a Londra) a piangere dicendo che non vi avevo avvertito per tempo.

Indipendentemente dal periodo che sceglierete per visitare Amsterdam sicuramente dormire al Bulldog hostel vi fará sentire parte della storia della cittá oltre a darvi la possibilitá di dormire in posizione ultra centrale.

Un avvertimento che potrá esservi molto utile se siete un gruppo di amici: Bulldog non accetta prenotazioni per piú di 6 persone se non fatte tramite il nostro dipartimento viaggi di gruppo, mi raccomando è molto importante anche perché, nel caso, la vostra prenotazione varrá cancellata.

Ah un’ultima cosa ragazzi, chiaramente per i vostri genitori si va tutti al museo di Van Gogh!!!! 🙂

Per tutti gli ostelli Amsterdam visitate il nostro sito.

Per maggiori informazioni sull’Olanda visita www.holland.com

Olanda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici − due =